fbpx

Google Discover: un altro modo per farsi notare

google-discover

Google Discover: un altro modo per farsi notare

Google Discover, lanciato nel 2019, è un interessante strumento per aumentare le visite di un blog o un sito web.

Per contestualizzare Google Discover, facciamo una premessa. Google ha tre Social Media:
1. YouTube.
2. Google Discover.
3. Google Maps.

Hai installato l’app di Google nel tuo smartphone? 

Google Discover, nella pratica, è una funzione smartphone dell’app Google – quindi disponibile sia su telefonini Android che per iOS – che consente di raggiungere una selezione delle notizie più interessanti per il singolo utente, scelte in base agli interessi mostrati nel tempo.
Come afferma Google: Invece di mostrare i risultati in risposta a una query, Discover fa comparire i contenuti principalmente in base a ciò che i sistemi automatici di Google ritengono essere in linea con gli interessi degli utenti”.

Ecco un esempio in questa immagine: il cellulare di sinistra mostra la schermata di Google Chrome.

 

google-discover

 

Si tratta di un servizio strettamente legato all’assistente digitale di Google che permette di ricevere informazioni di potenziale interesse per l’utente, a partire anche dalla collocazione geografica della persona. Questa tecnologia consente di attingere a un gran quantitativo di dati, perché il dispositivo che utilizziamo memorizza le nostre attitudini di ricerca; i suggerimenti sui contenuti da visualizzare sono influenzati da:

  • cronologia delle ricerche;
  • ricerche vocali;
  • comandi impartiti all’Assistente Google;
  • applicazioni utilizzate su dispositivo mobile.

Google Discover è un feed di notizie che scorre proprio come accade in qualsiasi social.
Google identifica i nostri interessi  sia dal modo in cui eseguiamo una ricerca, sia dal risultato stesso della ricerca.

Perché potrebbe essere interessante sfruttare Google Discover?

Google processa ogni giorno oltre 3,5 miliardi di richieste e oltre 800 milioni di persone usano Discover ogni mese (e questa è una vecchia statistica del 2018, quindi il numero effettivo di utenti è probabilmente molto più alto a questo punto).

Sperimentazioni ed evoluzioni di Google Discover

In passato più volte Google ha lanciato delle sperimentazioni su un numero ristretto di utenti: per esempio l’implementazione dei Mi piace e del relativo contatore. Un cambiamento del genere, qualora effettivamente confermato, andrebbe inevitabilmente a costituire una metrica di giudizio per i lettori e, chiaramente, ad influenzare le pubblicazioni all’interno dei feed di Discover.

Google Discover offre anche la funzione “Segui”. Consente cioè agli utenti di seguire un sito web e ricevere gli ultimi aggiornamenti da quel sito web nella scheda Stai seguendo in Discover su Chrome. La funzione è molto interessante perché consentirebbe, per esempio, di monitorare gli aggiornamenti di uno specifico argomento o sito.
Attualmente, il pulsante Segui è una funzionalità disponibile per gli utenti che hanno eseguito l’accesso in inglese negli Stati Uniti e che utilizzano Chrome Android.

Fig. Un esempio di funzione “Segui”.

Pulsante Segui su ChromeLa scheda Stai seguendo in Discover su Chrome

Come posizionarsi su Google Discover

Non occorre adottare nessuna formattazione particolare per essere inclusi in Discover. Qualsiasi sito che sia indicizzabile da Google e soddisfi le norme relative ai contenuti per Google News può essere preso in considerazione. Il posizionamento è influenzato però dall’affinità tra gli argomenti preferiti dagli utenti e quelli trattati.
Quello che puoi fare è:

  • offrire contenuti di qualità, possibilmente di cui sei tu la fonte primaria come specialista ed in particolare concentrandoti su uno specifico argomento e sviscerandolo in più articoli e/o video;
  • produrre materiali quanto più possibile attinenti alle esigenze dei lettori;
  • foto di qualità, con dimensione minima 1200 pixel di larghezza. Ovviamente dovrai ottimizzare la foto affinché, benché di grandi dimensioni, il peso dell’immagine sia comunque contenuto. A riguardo, online sono disponibili molti strumenti per l’ottimizzazione delle immagini, come ad esempio il sito https://tinypng.com/

In pratica il modo migliore per entrare in Discover è scrivere contenuti migliori di tutti gli altri. Cerca il tuo pubblico, i tuoi concorrenti, il tuo settore e scrivi il miglior pezzo possibile su un argomento rilevante. Assicurati di sapere che tipo di domande stanno ponendo i tuoi lettori e rispondi a queste in un modo che sia facile da capire e piacevole da leggere.

Posso far pubblicità su Google Discover?

Anche per Google Discover è possibile attivare delle campagne di pubblicità a pagamento, creando cioè degli annunci che girano su YouTube, Gmail e, appunto, Discover.
Per realizzare una campagna Google Discover Ads è necessario definire il budget, indicare un costo per azione (CPA target) e soprattutto produrre contenuti creativi accattivanti e pertinenti.
Nella guida ufficiale sono spiegati i dettagli operativi.

Le campagne discovery possono essere una buona soluzione quando vuoi:

  • Generare conversioni con i tuoi media su larga scala: ad esempio, puoi utilizzare gli annunci discovery per incrementare le vendite, le iscrizioni alle newsletter o le visite al sito web.
  • Raggiungere nuovi clienti con i tuoi media: le campagne discovery possono aiutarti a suscitare interesse in potenziali clienti quando sono disposti a provare nuovi brand.

 

 

Rossella Bianchi
rossella.bianchi@bludata.com

Responsabile Marketing di Bludata Informatica