fbpx

Fatturazione elettronica: dal I luglio nuove regole per le operazioni con l’estero

fattura-elettronica-2022

Fatturazione elettronica: dal I luglio nuove regole per le operazioni con l’estero

Prima di illustrare le novità per le operazioni con l’estero in vigore dal I luglio 2022, ricordiamo che il divieto di fatturazione elettronica per le fatture i cui dati sono da inviare al Sistema Tessera Sanitaria è stato prorogato fino al 31/12/2022.

L’obbligo di fatturazione elettronica per gli ottici è dunque in vigore solo per:

  • Fatture alle aziende (B2B), avendo cura di non inserire dati sensibili, come da Interpello 307/2019;
  • Fatture PA;
  • Fatture ai consumatori per beni non detraibili, che quindi non vengono trasmesse al Sistema Tessera Sanitaria.

Per quanto riguarda il ciclo passivo, l’obbligo di fatturazione elettronica per i fornitori degli ottici è entrato in vigore il I gennaio 2019. Pertanto, da più di tre anni gli ottici devono ricevere le fatture elettroniche tramite un canale telematico, come, ad esempio, FOCUS FE.

Operazioni B2B con l’estero: le regole in vigore dal I luglio 2022

Dal I luglio 2022, con l’abolizione dell’esterometro, i dati delle operazioni con controparti non stabilite in Italia devono obbligatoriamente essere trasmessi al Sistema di Interscambio utilizzando il formato XML della fattura elettronica. Vediamo alcuni dettagli per le operazioni B2B attive e passive, senza pretese di esaustività, cercando di semplificare temi alquanto complessi.

Operazioni attive (vendite)
Per ogni operazione attiva, è obbligatorio inviare al Sistema di Interscambio un file XML nel formato Fattura Elettronica, impostando il Codice destinatario con il valore convenzionale “XXXXXXX”.
Nell’operatività quotidiana, ciò significa che occorre emettere fattura elettronica al soggetto estero inserendo “XXXXXXX” (sette volte il carattere “X”) nel campo Codice destinatario. Quindi cambia davvero poco rispetto a quanto avviene per l’emissione delle fatture elettroniche B2B ad aziende italiane.

Operazioni passive (acquisti)
Per gli acquisti da fornitori esteri, è obbligatorio trasmettere al Sistema di Interscambio le integrazioni/autofatture XML con i nuovi tipi di documento TD17, TD18, TD19.
Molti ottici hanno affidato la gestione di questo tipo di documenti al proprio Commercialista, in quanto i produttori di software che gestiscono le scritture contabili hanno messo a disposizione dei professionisti le funzioni necessarie per emettere automaticamente i file XML con le integrazioni/autofatture del ciclo passivo in nome e per conto dei loro clienti.

 

Maria Chiara Visentin
visentin@bludata.com

Direttore Commerciale di Bludata Informatica