Fattura elettronica: cosa fare in caso di “scarto”

Fattura-elettronica-tra-privati

Fattura elettronica: cosa fare in caso di “scarto”

La Notifica di scarto

Come spiegato in questo articolo, la fattura elettronica è un documento informatico in formato XML conforme alle specifiche tecniche dell’Agenzia delle Entrateche transita attraverso il Sistema di interscambio e da questo viene recapitato al destinatario.

Prima di inoltrare la fattura elettronica al destinatario, Il Sistema di Interscambio (SDI) effettua una serie di controlli.
Ad esempio, controlla se il file XML contiene le informazioni obbligatorie, verifica la partita IVA di emittente e destinatario (il codice fiscale per i consumatori) e la correttezza dei dati indicati (coerenza tra imponibili, aliquote IVA ed imposte indicate).

In caso di mancato superamento dei controlli, lo SDI “scarta” la fattura, in quanto presenta errori formali o incongruenze.
La fattura “scartata” dallo SDI si considera non emessa ai fini fiscali (sostanzialmente, non esiste).

Entro 5 giorni, il Sistema di Interscambio invia all’emittente della fattura una Notifica di scarto;
l’emittente dovrà provvedere alla correzione e ad una nuova trasmissione della fattura entro 5 giorni, preferibilmente con la stessa data e lo stesso numero.

Cosa fare in FOCUS: un esempio

Se emetti con FOCUS una fattura elettronica che contiene un errore (es.: Partita IVA errata), lo SDI emetterà una Notifica di scarto entro 5 giorni, che riceverai all’interno del software.

Entro 5 giorni dalla segnalazione della notifica in FOCUS, dovrai correggere la fattura, modificando il documento e digitando la Partita IVA errata corretta.
Una volta inserita la Partita IVA corretta e salvato il documento, la fattura elettronica sarà trasmessa allo SDI con la stessa data e lo stesso numero.

Ti consigliamo di procedere sempre alla correzione delle fatture scartate entro 5 giorni dalla ricezione della notifica in FOCUS, in modo da evitare complicazioni nella gestione delle registrazioni contabili.

In ogni caso, la Circolare dell’Agenzia delle Entrate n. 13/E del 2 luglio 2018, a cui ti rimandiamo per approfondimenti, indica come operare nei casi in cui non sia possibile emettere la fattura scartata con la stessa data e lo stesso numero.
In tali casi, dovrai concordare con il tuo Commercialista come preferisce procedere.

Ti potrebbero interessare anche:

Ottici e fatturazione elettronica: tra obblighi e divieti

Fattura elettronica: il modulo FOCUS FE

La fattura elettronica tra privati: che cos’è, come funziona lo SDI e le nostre soluzioni…

Bludata Informatica
marketingbludata@gmail.com

Bludata Informatica progetta e sviluppa software e servizi informatici per i Centri Ottici. Il nostro obiettivo è offrire agli Ottici soluzioni semplici ed efficaci per raccogliere i dati, mantenere le relazioni con i consumatori ed analizzare i dati per prendere decisioni consapevoli sulla gestione aziendale.